Abbiamo selezionato 5 club

Nonostante la crisi economica abbia colpito violentemente la parte sud dell'Europa nel corso degli ultimi anni, ridisegnando profondamente la scena nazionale dei club, la scena musicale elettronica italiana è senza dubbio ancora una delle più vibranti al mondo.

Tristemente, molte delle strutture storiche sono state chiuse o convertite in club commerciali o locali di basso profilo. Pensiamo per esempio a nomi celebri come Alter Ego a Verona, Fluid Club a Bergamo o i Magazzini Generali a Milano, che hanno tutti contribuito a scrivere la storia della Italo Disco e dei club nella Penisola. Fortunatamente la maggior parte dei principali club italiani godeva di radici abbastanza forti da superare questi tempi duri, e continuano a offrire i loro servizi anche in questo momento.

Una nuova generazione di strutture di dimensioni più ridotte, lontane dal concetto delle enormi discoteche italiane degli anni '90, sta emergendo assieme ad un nuovo trend portato avanti da vari promoter che lavorano assieme per creare grandi eventi all'interno di strutture affittate specificatamente per ospitare determinate serate.

Per creare la nostra lista abbiamo selezionato 10 club, non semplicemente basandoci sulle loro location, ma anche sulla connotazione che li contraddistingue, ossia l'importanza che sono riusciti a mantenere nel corso degli anni. Un mix di leggende e nuovi nomi che crediamo facciano parte dei club essenziali nell'attuale scena italiana. Questo grazie al loro programma musicale, il loro design e ovviamente all'atmosfera che sono in grado di offrire.

a. Amnesia Milano

L'impianto audio di questo locale può togliere il fiato, un pubblico di classe si mescola a giovani amanti dei club e VIP. Questo riflette lo spirito del design e della capitale della moda. Amnesia Milano ha ospitato ogni grande nome della scena fino da quando i nuovi proprietari hanno iniziato il loro lavoro nel 2010. Parliamo di nomi celebri che spaziano da Carl Cox a Magda, da Chris Liebing a Luciano, e il locale continua a rinnovarsi con nuovi DJ.

b. Tinì SoundGarden – Livorno

Solamente qualche anno fa, un club commerciale romantico in Toscana venne trasformato in quello che oggi è il Tinì: un open air club situato nel mezzo di un parco stupefacente, con grandi palloni sospesi al soffitto sopra la pista da ballo, il tutto circondato da piante. Non potrebbe mancare un'ampia selezione dei migliori DJ internazionali, nomi quali Loco Dice, Raresh e Adam Beyer, solamente per citare alcuni degli ospiti della passata stagione. Il Tinì è stato inoltre selezionato da Sven Vath per il suo nuovo evento estivo Sven Vath In The Park.

c. Metropolis – Napoli


Il locale è celebre per le sue maratone techno. Il Metropolis racchiude il vero stile della “Napoli techno”. Grazie alla sua grande capacità (fino a 5000 persone), ha ospitato notti leggendarie con nomi quali Danny Tenaglia e i maestri della house Francois K, Roger Sanchez e Eric Morillo, così come giganti del mondo techno come Adam Beyer, Ricardo Villalobos e Dave Clarke. Tra gli eventi recenti più importanti è da ricordare una serata di 12 ore guidata dall'eroe locale Joseph Capriati.

d. Bolgia – Bergamo

Oscuro, underground e industriale – è facile perdersi nei tunnel del Bolgia che circondano il palco principale, il luogo nel quale si realizza la magia di fronte a un'ampia folla di giovani amanti della musica. Il Bolgia ha appena celebrato il suo 12º compleanno con il suo anno migliore di sempre. Il locale ha presentato un programma stagionale di 48 eventi, includendo ospiti regolari come Chris Liebing, Len Faki e Jeff Mills, e altri nomi più recenti quali Ellen Allien, Maceo Plex e Tale Of Us.

e. Cromie – Taranto


Il Cromie è diventato celebre come una delle strutture più spettacolari d'Italia, la sua forma ad anello crea un'energia unica che ricorda l'atmosfera da stadio, specialmente quando ai piatti troviamo Ricardo Villalobos o Loco Dice. Una volta finito il loro spettacolo. solitamente la gente continua a gridare “Ultimo!” Una voce popolare che implora altri 10 minuti di follia. La cupola semisferica aperta verso il cielo rende l'esperienza realmente indimenticabile.